Msc Zoe

Sulle navi Msc arriva Zoe, prima assistente virtuale del settore crociere

“Ok Zoe”. Ai crocieristi basterà pronunciare queste due parole per avere a disposizione un valido aiuto. Zoe è la prima assistente virtuale di crociera al mondo; con lei i servizi per gli ospiti delle navi Msc Crociere raggiungeranno nuovi standard di innovazione tecnologica incentrata sul cliente.

Sviluppata in collaborazione con Harman e Samsung Electronics, è un’intelligenza artificiale dotata di un sistema vocale all’avanguardia, in grado di interagire in sette lingue differenti, e si troverà all’interno di ogni cabina. Zoe è in grado di rispondere a più di un centinaio di domande relative all’esperienza in crociera, con informazioni sui servizi a bordo, guidando il crocierista nella scelta dei servizi, aiutandolo nelle prenotazioni. La tecnologia di riconoscimento vocale rende facile l’accesso a tutte le informazioni con l’unico ausilio dei comandi audio.

Msc meet ZoeL’assistente virtuale – oggi un unicum nel campo dell’industria crocieristica – è stata presentata in anteprima a Londra il 31 gennaio, per il suo debutto si attende però marzo 2019 a bordo di Msc Bellissima dopo il battesimo a Southampton; successivamente sarà disponibile su tutte le altre nuove navi, incluse Msc Grandiosa (9 novembre 2019) e Msc Virtuosa (2020).

Zoe è stata ideata e progettata per arricchire Msc for Me e interagisce con le tv presenti in cabina.  Per assicurarsi che possa incontrare ogni necessità dell’ospite, l’assistente virtuale è stata programmata e provata per rispondere prontamente a più di 800 domande. Testata sulla base di conversazioni reali, ha la capacità di riconoscere l’eloquio naturale, oltre all’abilità di trasformare le parole in testo e viceversa.

«Nel 2017 abbiamo introdotto Msc for Me, piattaforma di innovazione digitale leader del settore che ha rivoluzionato l’esperienza personale del viaggio in mare – ha commentato Gianni Onorato, ceo di Msc Crociere – Tale tecnologia è stata progettata per combaciare con il design delle nuove navi, e incorporata e considerata in ogni step del processo di creazione del prototipo, dalla nascita del concept fino alla sua realizzazione. Era necessario incontrare il vero bisogno degli ospiti, e cioè quello di rispondere alle loro domande in modo semplice e rapido, permettendogli così di trarre tutto il meglio dalla propria esperienza a bordo. Abbiamo studiato e analizzato le più moderne tecnologie e abbiamo identificato l’assistenza vocale e l’Intelligenza artificiale come la soluzione ottimale. Così è nata Zoe».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *