Crociere, verso un’estate sempre più libera

blog_2022_05_30

Rotta verso la normalità. Il governo italiano ha allentato le restrizioni legate al Covid e anche le navi stanno via via alleggerendo i protocolli di salute e sicurezza nati nell’agosto 2020 per la ripartenza delle crociere.

Già da aprile si è finalmente ritornati alle escursioni libere anche nel Mediterraneo. I crocieristi sono tornati a scegliere se prenotare i tour a terra organizzati dalle compagnie di crociera o muoversi in autonomia durante gli scali nei porti.

Ma le novità non sono finite. Costa Crociere, per esempio, dal 26 maggio non richiede più l’esibizione del green pass all’imbarco.

È sufficiente compilare un’autodichiarazione per confermare lo stato di vaccinazione ed eseguire il test rapido entro le 48 ore prima di imbarcarsi.

Dal sabato 28 maggio, inoltre, la compagnia ha eliminato l’obbligo di mascherina a bordo anche nelle aree al chiuso.

Per chi ama l’intrattenimento, sono anche ripartite le feste e l’animazione in discoteca a bordo delle navi da crociera.

Anche Msc Crociere ha allentato le restrizioni. Adesso per partire è sufficiente il green pass con due dosi di vaccino (abolito l’obbligo di super green pass per salire a bordo) che ha durata 9 mesi, anziché 6. Anche in questo caso va eseguito il tampone rapido entro le 48 ore che precedono la partenza.

Novità anche in casa Royal Caribbean per l’estate: non è più necessario il test al terminal pre partenza e le mascherine a bordo sono facoltative.

Nelle ultime settimane le restrizioni vengono allentate giorno per giorno. Il consiglio è quindi quello di verificare in tempo reale gli aggiornamenti e affidarsi al proprio agente di viaggi per controllare i requisiti e le regole che variano a seconda della compagnia scelta per la propria crociera. Lo staff Ticketcrociere potrà fornire tutti i dettagli in tal senso al momento della richiesta di preventivo, per una vacanza estiva sicura e sempre più libera.

9 Commenti su “Crociere, verso un’estate sempre più libera”

  1. Come è oramai certo, anche i vaccinati di terza dose prendono il Covid e si ammalano di conseguenza ,chiedetevi voi se continuare questa inutile discriminazione verso chi ha fatto scelte diverse …non vi basta il tampone?

  2. La crociera è una scelta di tipo di viaggio che non dovrebbe essere pregiudicata a nessuno con regole che in altri tipi di ricezione turistica non esistono più, quindi mi associo a quanti protestano per questo.
    A Niko rispondo che può scegliere lui di non andare più … oppure forse non ha mai avuto il piacere?
    Ricordo che il settore crociere offre lavoro a tante persone, forse lui lavora per la concorrenza…

  3. Trovo assurdo vergognoso e discriminatorio l’obbligo di vaccino per un tipo di vacanza come la crociera.
    Lo stato d’emergenza è cessato da fine marzo, non viene più richiesto il certificato vaccinale in nessun posto e le compagnie di crociera continuano a mantenere questa assurda e discriminatoria regola nel silenzio assoluto dei media.
    Faccio un appello alle agenzie di viaggio di farsi carico di questa situazione è spingere affinché venga abolita il prima possibile!!

    1. Esatto soprattutto perché da due anni siamo costretti a rinviare crociere già in.parte pagate a causa di restrizioni ormai risapute di dubbia utilità.

      1. Invece ci voglio andare e devo avere gli stessi diritti di tutti. Anche perchè cosa vi credete…che essendo tutti vaccinati siete tranquilli di non contrarlo la sopra? Io sarei mille volte più sicura se a rimanere fosse il tampone e non il vaccino! Ma le compagnie di navigazione son furbe…niente tampone e nessuna epidemia a bordo si scopre! geni! Svegliatevi non stanno pensando al vostro bene ma alle loro tasche!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *